Il Grande Quadro – Ampliamento

Il Grande Quadro della Basilica

Il quadro fu ideato da Don Bosco che ne parlò al pittore Lorenzone come di uno spettacolo già veduto:
“In alto Maria SS. tra i cori degli Angeli: poi i cori dei Profeti, delle Vergini, dei Confessori.
In terra gli emblemi delle grandi vittorie di Maria e i popoli del mondo in atto di alzare le mani verso di lei chiedendo aiuto”.
Il pittore gli fece osservare che, per dipingere un quadro del genere, ci sarebbe voluta una piazza e, per contenerlo, una chiesa grande come Piazza Castello. Don Bosco si rassegnò a veder ridotto il suo progetto.
Don Bosco così lo descrisse:
“La Vergine campeggia in un mare di luce e di maestà. E circondata da una schiera di Angeli, i quali le porgono ossequio come a loro Regina. Con la destra tiene lo scettro che è simbolo della sua potenza, con la sinistra tiene il Bambino che ha le braccia aperte, offrendo così le sue grazie e la sua misericordia a chi fa ricorso all’augusta sua Genitrice.
Attorno e in basso sono i santi Apostoli e gli Evangelisti. Essi trasportati da dolce estasi, quasi esclamando: Regina Apostolorum, ora pro nobis, rimirano attoniti la Santa Vergine. In fondo al dipinto c’è la città di Torino, con il santuario di Valdocco in primo piano e con lo sfondo di Superga. Quello che ha maggior valore nel quadro è l’idea religiosa, che genera una devota impressione in chi lo rimira”.
Secondo la descrizione fatta da Don Bosco, il quadro è una efficace raffigurazione del titolo “Maria, Madre della Chiesa”. E una grande pagina di catechesi mariana. Maria, in quanto Madre del Figlio di Dio, è la Regina del cielo e della terra: la Chiesa tutta, rappresentata dagli Apostoli e dai Santi, l’acclama Madre e Ausiliatrice potente.

Il Titolo di Ausiliatrice

Don Bosco nel 1862 confidava a uno dei pirmi salesiani, D. Cagliero:

” La Madonna vuole che la onoriamo sotto il titolo di Maria Ausiliatrice: i tempi corrono così tristi che abbiamo bisogno che la Vergine Santa ci aiuti a conservare e difendere la fede cristiana “.
Il titolo non era nuovo nella Chiesa: fin dal 1500 era presente tra le litanie lauretane; la devozione a Maria Ausiliatrice era già conosciuta all’epoca di S. Pio V. Fin dal 1684 a Monaco di Baviera era sorta l’Arciconfraternita di Maria Ausiliatrice. Il Papa Pio VII, istituì la festa di Maria Ausiliatrice, fissandone la data al 24 maggio, giorno del suo ritorno a Roma, dopo la liberazione dalla prigionia napoleonica (1814). Nel 1868 Don Bosco scriveva:

“Un’esperienza di diciotto secoli ci fa vedere che Maria Santissima ha continuato dal cielo, con il più grande successo, la missione di Madre della Chiesa e Ausiliatrice dei cristiani che aveva cominciato sulla terra”.

Ampliamento della Basilica

Nel 1934, lo stesso anno della canonizzazione di Don Bosco e proprio sull’onda dell’entusiasmo suscitato nella città di Torino e in tutto il mondo salesaino, si decise l’inizio dei lavori finalizzati primo all’ingrandimento del Santurio Maria Ausililiatrice e poi al suo abbellimento.

* Motivo pastorale e civile: I lavori resi necessari dall’aumento della popolazione nella zona Torino-Valdocco:

 * Motivo di sicurezza : dall’insufficienza delle uscite nelle grandi celebrazioni quando c’erano molti fedeli;

 * Motivo salesiano e spirituale: e da ultimo perché perché si voleva dedicare un degno altare a Don Bosco, diventato santo.

L’ampliamento fu progettato e realizzato dagli architetti Mario Ceradini, e dal Salesiano Coadiutore Giulio Valotti.

Le Principali Novità furono:

1 – Il nuovo e monumentale Altare dedicato a San Giovanni Bosco.
2 L’ampliamento del presbiterio con arretramento e rinnovamento dell’altare maggiore.
3 – La seconda cupola di 12 m. di diametro con la scritta in latino:

 “HIC DOMUS MEA, INDE GLORIA MEA”
“QUI LA MIA CASA, DI QUI LA MIA GLORIA”

 4 – Le due cappelle laterali con le relative tribune: (quella a sinistra per il grande organo, il più grande tra le chiese del Piemonte).
Le due cappelle sono collegate con una galleria con vari piccoli altari dedicati a Cristo Crocifisso e a vari santi ( San Giuseppe Cottolengo, san Giuseppe Cafasso, direttore spirituale di Don Bosco, a san Pio V… La decorazione di tutta la chiesa fu affidata al pittore Cussetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *